Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Martedi, 13 Dicembre 2016

Jesolo: quattro nuovi obblighi per ridurre lo smog


I

l sindaco di Jesolo Valerio Zoggia ha firmato un’ordinanza per regolare la limitazione della concentrazione di inquinanti atmosferici e per limitare gli impianti termici ad uso riscaldamento nella stagione invernale che avrà durata fino a al 15 aprile del 2017. L’ordinanza prevede una serie di accorgimenti che rispondono ad una delibera adottata dalla Regione Veneto che prevede l’attuazione di una serie di accorgimenti da parte dei comuni per contenere le emissioni inquinanti nelle città.

Sono quattro, in sintesi, le disposizioni a cui attenersi. Prima, la riduzione della temperatura ambiente (intesa come media ponderata delle temperature dell’aria, misurate nei singoli ambienti riscaldati di ciascuna unità immobiliare) a: 17 °C (+ 2 di tolleranza) negli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili; 19° C (+ 2 di tolleranza) in tutti gli altri edifici.

Seconda: riduzione di 2 ore da attuarsi dalle ore 16:00 alle ore 18:00 di ogni giorno, dell'esercizio degli impianti termici (compresi: stufe, caminetti…) alimentati a combustibili liquidi o solidi.

Terza: divieto di combustione all’aperto in particolare in ambito agricolo (fatte salve le necessità di combustione finalizzate alla tutela sanitaria di particolari specie vegetali) e di cantiere, ad eccezione dei tradizionali falò dell’Epifania nei giorni 5 e 6 gennaio 2017.

Quarto, obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei veicoli merci nelle fasi di carico/scarico, di tutti i veicoli in corrispondenza di determinati impianti semaforici, dei treni diesel in fase di sosta.

Il sindaco, con questa ordinanza, invita inoltre le Imprese ad effettuare ogni intervento possibile per garantire un’elevata efficienza e manutenzione degli impianti posti a presidio delle fonti inquinanti, in particolare per ridurre le emissioni in atmosfera, sensibilizzando gli operatori ad utilizzare veicoli a ridotto impatto ambientale. Invita poi i gestori di esercizi commerciali e di edifici con accesso al pubblico, a chiudere le porte di accesso per evitare dispersioni termiche. E infine gli Uffici pubblici a ridurre ulteriormente la temperatura ammessa.

Per chi non rispetta l’ordinanza sono previste delle sanzioni amministrative che vanno dai 25 ai 500 euro.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203