Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Venerdi, 4 Novembre 2016

Aqua granda, il Patriarca: per Venezia serve più coordinamento fra le istituzioni


<C

ari politici, oltre al doveroso confronto e dialogo, bisogna anche saper decidere. Questo risponde al bene comune, altrimenti passano i decenni e Venezia inesorabilmente corre verso un declino economico, sociale e culturale>.

È il monito che il Patriarca Francesco Moraglia lancerà nel pomeriggio di venerdì 4 novembre dalla Basilica di San Marco alle autorità presenti alla messa per il cinquantesimo dall’Aqua Granda, la tragedia che il 4 novembre 1966 ferì parti significative del territorio di questa regione, causando danni ingenti e, purtroppo, molte vittime.

<Forse proprio oggi - auspicherà mons. Moraglia durante l’omelia - si può chiedere una cosa a coloro che a vari livelli (locale, nazionale, europeo e mondiale) sono coinvolti nella difesa, nella tutela, nello sviluppo della città: che dopo le parole diano seguito ai fatti, almeno muovendosi un po’ più coordinati fra loro, evitando reciproche delegittimazioni, verificando con serenità e realismo (le due cose vanno insieme) i passi compiuti, significativi, contraddittori o parziali che siano, e pianificare quelli da intraprendere per compiere ulteriori passi in avanti e fare il bene di Venezia e del territorio circostante>.

Il ricordo di questi uomini e donne colpiti dalla calamità suscita nel Patriarca di Venezia <riconoscenza e ammirazione; noi ci siamo oggi anche perché loro non sono venuti meno. Fu grazie alla loro forza e alla loro determinazione che i nostri territori, così drammaticamente feriti e resi irriconoscibili dalla violenza degli elementi, poterono risorgere>.

<Quando nel 2066 si celebrerà il centenario dell’Aqua Granda - concluderà il Patriarca Francesco - spero davvero che i futuri cittadini di Venezia siano allora in grado di riconoscere nei politici, negli imprenditori, negli uomini di cultura e nell’intera nostra generazione gli iniziatori di questo cammino nell’interesse della nostra città, la più bella del mondo, e non solo per noi veneziani>. (G.B.)
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203