Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Giovedi, 15 Settembre 2016

Scuole della Fondazione Groggia a Mestre, in aumento gli iscritti: sono 450


O

ttimi numeri – e questo è un dato importante – per gli istituti che fanno capo alla Fondazione Groggia, come la scuola secondaria di primo grado, le medie per capirsi, e lo storico liceo scientifico e linguistico Santa Caterina da Siena, attivo a Mestre fin dal 1957.

«Siamo quest'anno – spiega il segretario generale Paolo Cappellari – a un totale per le nostre scuole di 450 alunni con un aumento più che significativo rispetto all'anno scorso. Faremo due sezioni di prime medie, in tutto una trentina di ragazzi, entrambe con l'inglese potenziato. Questa, infatti, un po' a sorpresa, è stata la richiesta più importante che ci è arrivata da ben il 95% delle famiglie. Sul fronte del liceo, invece, attiveremo sia l'indirizzo scientifico sia quello linguistico, ma con numeri un po' più bassi, una decina di studenti per classe». Anche se proprio in queste ore si stanno vagliando ulteriori richieste, 4 o 5, arrivate da ragazzi di altri licei cittadini.

La novità più rilevante del Santa Caterina, però, riguarda l'assetto organizzativo della didattica: al nuovo ruolo di segretario generale assunto proprio da Cappellari lo scorso marzo, si somma dal primo settembre quello del professor Massimo De Sabbata, nuovo coordinatore didattico, il preside in sostanza, che sostituisce il professor Claudio Maddalena.

«Il professor Maddalena – prosegue – ci ha accompagnato negli ultimi tre anni e lo ringraziamo del lavoro svolto. Ora, però, si apre un nuovo corso: il professor De Sabbata arriva dal liceo Majorana di Mirano e ha una trentennale esperienza nell'insegnamento e nel coordinamento. In termini numerici, proprio il liceo è il settore ancora più scarso e lo vogliamo rilanciare. Sempre di più, poi, vogliamo dare una connotazione linguistica a tutto il percorso formativo».

Un obiettivo che si concretizza, ad esempio, oltre che con il lettorato di inglese già attivo alle elementari, con un inserimento graduale della lingua anche nella scuola per l'infanzia, magari nei modi giocosi che i più piccoli possono apprendere. «Siamo molto soddisfatti – continua Cappellari – anche di questo settore: faremo due nuove sezioni con 24 iscritti ciascuno di bambini tra i 3 e i 5 anni. Nelle elementari, poi, proveremo ad attivare l'insegnamento di alcune materie, magari per qualche lezione, direttamente in inglese».

Anche per le scuole della Fondazione Groggia la scelta precisa di non aumentare le rette, ferme ormai da tre anni, e scarse ripercussioni sul fronte dell'organico a causa del concorsone statale. «I nostri insegnanti, però – prosegue – guadagneranno qualcosa di più. A livello nazionale sono stati approvati alcuni aumenti, che noi recepiamo e che non ribalteremo sulle rette, nonostante per noi significhi un aumento del costo del personale. Ma i docenti saranno più contenti e lavoreranno meglio».

Tante anche le attività di cui i ragazzi potranno usufruire in orario extrascolastico: il potenziamento pomeridiano per il francese, il tedesco e il latino, che l'anno scorso ha riscosso molto successo; il potenziamento musicale alle medie, con i corsi di violino, pianoforte, chitarra o batteria; sul fronte sociale e assitenziale, il centro Aurora per i bambini da 0 a 10 anni che magari hanno qualche problema con un'équipe composta da logopedisti, neuropsichiatri, psicologi e psicomotricisti.

«Non faremo di certo annoiare i nostri studenti – assicura il segretario generale – la concorrenza è notevole, ma nella crescita didattica e formativa della persona noi dobbiamo e vogliamo essere, soprattutto, un supporto per le famiglie. Non ci sostituiamo ai genitori, ma li accompagnamo, ci affianchiamo a loro in un percorso». (C.S.)
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203