Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Giovedi, 1 Settembre 2016

Profughi e integrazione, una mostra fotografica a San Doną di Piave


I

n occasione del Fiume Festival di San Donà di Piave, dal 2 al 4 settembre al teatro metropolitano Astra, verranno presentati i risultati del progetto dal titolo “Peace is what we stand 4”.

Protagonisti i richiedenti asilo africani ospitati da luglio dell’anno scorso a S. Donà di Piave, nel Centro d'accoglienza straordinario gestito dalla Cooperativa sociale Il Villaggio Globale, che hanno deciso di portare attraverso l'obiettivo di una macchina fotografica la propria personalissima risposta alla domanda “Qual è la cosa più importante per te in questo momento?”.

La domanda, apparentemente banale, invita a soffermarsi ed indagare sulla quotidianità di persone che da più di un anno sono in attesa di essere ricevuti dalla Commissione territoriale per il riconoscimento dello status giuridico.

40 persone richiedenti protezione internazionale, provenienti da diversi Stati dell'West Africa, come Gambia, Sierra Leone, Nigeria, Guinea Bissau, Guinea Conakry, Senegal, Costa d'Avorio e Ghana, fuggite dai loro Paesi d'origine, transitate all'interno di Paesi come il Mali, il Burkina Faso, il Niger, l'Algeria, la Libia, approdate in Sicilia attraversando il Mar Mediterraneo, e giunte fino a noi, in Veneto.

In collaborazione con la fotografa e maestra di yoga Elena Musso Paludan, gli ospiti del centro di accoglienza hanno seguito un percorso creativo che, attraverso tecniche di meditazione e rilassamento, ha permesso di entrare in relazione tra loro in un contesto abituale ma con modalità diverse da quelle quotidiane. L'attività proposta ha consentito di lavorare sulla dimensione dell'io interiore cercando di portare l'attenzione sulla loro condizione presente, sui loro desideri, le loro percezioni e le loro paure.

Le finalità del progetto sono quelle di trasmettere al pubblico una conoscenza di base sull'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, facilitare l'integrazione come metodologia di approccio interculturale al tema dell'accoglienza, mettere in luce e comprendere le differenze etniche e culturali e favorire la percezione non stigmatizzante dei richiedenti protezione internazionale.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203