Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Lunedi, 25 Luglio 2016

Banca del Veneziano vende sei sportelli alla Bcc del Pordenonese


B

anca del Veneziano (foto) torna a concentrarsi esclusivamente sul territorio che le ha dato i natali, e per farlo cede alla Banca di Credito Cooperativo del Pordenonese le sue sei filiali di Pramaggiore, San Stino di Livenza, Concordia, Caorle, Eraclea e San Donà di Piave.

«Non è un atto dovuto, ma una scelta ragionata», spiega Francesco Borga, Presidente di Banca del Veneziano: «Si è trovato un accordo che ci permetterà di tornare al nostro territorio originario sul quale abbiamo attive altre 18 filiali, conseguendo anche un risparmio in termini di costi del personale grazie al trasferimento di 28 dipendenti legati alle filiali coinvolte».

Orgoglioso e compiaciuto si è detto anche Walter Lorenzon, imprenditore edile da pochi mesi presidente della Bcc del Pordenonese «ci ampliamo in un territorio contiguo al nostro, sia da un punto di vista geografico che culturale. Attualmente siamo forti soprattutto nell'edilizia e nel mobile, grazie a questa sinergia vogliamo esserlo anche nell’agroalimentare e nel turismo, in un'ottica di responsabilità verso il territorio».

In attesa dell'ok della Banca d'Italia, l'accordo che si è delineato tra le due banche prevede un corrispettivo per la cessione dei sei sportelli di 2,7 milioni di euro, a cui vanno a sommarsi un certo numero di crediti cosiddetti problematici di Banca del Veneziano di cui d'ora in poi dovrà farsi carico la Bcc del Pordenonese.

Con gli sportelli vengono ceduti anche 250milioni di prodotti bancari lordi e 5mila conti correnti oltre a 939 soci a cui si prospetta una scelta: diventare soci della Banca del Pordenonese, rimanere soci di quella del Veneziano o venire rimborsati delle loro quote. «Nessuno perderà nulla», fanno sapere all'unisono dalla dirigenza delle banche: «Abbiamo stimato in circa 500mila euro il controvalore delle quote eventualmente rimborsabili, considerando una media di 500 euro a socio, una cifra ragionevole e sostenibile anche se noi ci auguriamo di vedere i soci aumentare nelle rispettive banche e non diminuire». (G.S.)
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203