Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Lunedi, 11 Luglio 2016

Il Patriarca su Francesca Cavazzana Romanelli: "Il Patriarcato le deve molto"


"

Desidero partecipare, con vivo senso di riconoscenza e gratitudine, al saluto terreno che la Chiesa rivolge oggi a Francesca Cavazzana Romanelli. Mi unisco spiritualmente al lutto e al dolore della famiglia e in particolare del marito Giandomenico, dei figli Chiara e Pietro, dell’amatissimo nipote Pietro".

Lo scrive il Patriarca in un messaggio letto alle esequie di Francesca Cavazzana Romanelli, scomparsa sabato scorso, e i cui funerali sono stati celebrati nel pomeriggio di lunedì 11 a Giavera del Montello.

Aggiunge mons. Moraglia: "Il nostro Patriarcato - e certamente anche l’intera comunità veneziana - deve molto a Francesca Cavazzana Romanelli che ha saputo mettere abbondantemente a disposizione, per tanti anni e su molteplici ambiti, le sue competenze, spiccate doti personali e professionali soprattutto nel campo storico, archivistico, culturale, accademico e artistico oltreché negli ordinari momenti della vita diocesana. Mi preme qui ricordare, tra l’altro, la lunga collaborazione iniziata a fianco dell’indimenticato sacerdote veneziano don Bruno Bertoli e che l’ha portata a vivere, con passione e dedizione, molte importanti stagioni della nostra Chiesa, dai primi incontri di approfondimento biblico alle iniziative della pastorale diocesana della cultura. Fondamentale, è stato il prezioso e prolungato servizio da Lei svolto per l’Archivio storico del Patriarcato di Venezia di cui è stata, fino all’ultimo, direttrice dei progetti scientifici; alla sua tenacia e cura si devono l’opera di riordino, inventario e informatizzazione dell’Archivio diocesano nonché la promozione di progetti speciali per la catalogazione e l’informatizzazione degli archivi storici di parrocchie e diocesi anche in ambito regionale e triveneto".

"Quanti hanno avuto modo di conoscerla da vicino - scrive ancora il Patriarca- possono attestare che nella sua vita - anche nei momenti segnati da grande sofferenza eppure vissuti con discrezione e dignità - Francesca Cavazzana Romanelli ha saputo esprimere sempre la capacità e il desiderio di trasmettere la fede in Cristo in maniera “sensata”, in un contesto storicamente e culturalmente determinato – quello, originalissimo, di Venezia –, con un approccio in grado di entrare in dialogo proficuo con le culture e soprattutto con gli uomini e le donne del nostro tempo".
 
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203