Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Martedi, 5 Luglio 2016

Più sangue raccolto, meno sangue trasfuso: il primo semestre 2016 di Avis Venezia


P

iù sangue raccolto, meno sangue trasfuso. Si potrebbe sintetizzare così l’andamento dei primi sei mesi di attività dell’anno dell’Avis provinciale di Venezia. Dal 1° gennaio al 30 giugno le sacche di sangue raccolte sono state 21360, in leggero aumento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quand’erano state 20204, ma ancora lontane dalle 27032 del 2013 e dalle 26385 del 2012, in linea con una diminuzione che si sta registrando dappertutto.

Invece, le sacche trasfuse sono state 20909, in calo rispetto alle 21499 del 2015 e alle 21304 del 2014, a seguito di un ridotto fabbisogno registratosi nelle Asl 10 (San Donà), 13 (Miranese) e 14 (Chioggia), non nell’Asl 12 e dunque all’ospedale dell’Angelo.

Sono i dati resi noti stamane, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il presidente dell’Avis provinciale Giorgio Brunello e il direttore del Dipartimento Immunotrasfusionale Gianluca Gessoni (nella foto, da sinistra: Brunello e Gessoni), che hanno diffuso i numeri anche della raccolta festiva sempre nel semestre: quella sul territorio grazie all’SRC (Servizio di raccolta in convenzione) ha portato 2772 sacche, per una media di 34,65 nelle 80 aperture effettuate, con un risultato analogo agli anni scorsi; cresce, invece, quella negli ospedali grazie al SIT (Sistema immunotrasfusionale) con 440 sacche ricevute contro le 281 dello scorso anno, per una media di 22 nelle 18 aperture effettuate. <<È il segno che sta aumentando la domanda di donare fuori dagli orari di lavoro, quando forse non è sempre così facile organizzarsi o poter disporre dei permessi>>, ha spiegato Brunello.
 
Attualmente l’Avis provinciale conta 43 sezioni comunali attive – 22 nell’Asl 10, 6 nell’Asl 12, 13 nell’Asl 13, 2 nell’Asl 14 – per un totale di 28.463 donatori attivi in lieve diminuzione rispetto ai 28981 al 31 dicembre 2014, per un totale di 49659 donazioni annue (alla fine del 2014 erano state 49364). I donatori sono per i due terzi maschi e un terzo femmine. <<L’estate è il periodo notoriamente più difficile. L’anno scorso il mese di luglio e la prima decade di agosto era stato un periodo molto critico. Per questo rivolgiamo un appello alla popolazione a continuare a donare anche in queste settimane di caldo e di vacanze>>, ha sottolineato Gessoni.

<<Forse è anche una questione psicologica, la gente ha bisogno di staccare la spina e di riposare, ma non bisogna dimenticare che le malattie non vanno in ferie e tante volte la guarigione di un paziente passa proprio per avere la disponibilità di sangue al momento necessario>>, ha sostenuto Brunello.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203