Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Martedi, 24 Novembre 2015

I funerali di Valeria, il papà: «Dedicati a tutte le Valerie che non si arrendono»


U

n cuscino di gigli bianchi e roselline sopra un feretro di legno chiaro di fronte alla Basilica di San Marco. Le bandiere a mezz'asta, le saracinesche abbassate, l'Inno di Mameli e la Marsigliese e due ali di persone, i familiari, i parenti, gli amici di una vita da un lato, le massime autorità civili e religiose dall'altra: il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, insieme a numerosi altri rappresentanti delle Istituzioni.

Questa mattina Venezia ha dato il suo ultimo saluto a Valeria Solesin, la giovane ricercatrice veneziana, rimasta uccisa negli attentati terroristici del 13 novembre scorso al teatro Bataclan di Parigi. Una cerimonia civile, come espressamente richiesto dai genitori, aperta alle persone di ogni credo, che ha saputo unire, in un grande abbraccio, persone diverse per storia, provenienza, credo religioso.

“Venezia, crocevia da sempre di etnie, culture, religioni diverse, città del dialogo e dell'accoglienza - ha dichiarato il sindaco di Venezia nel discorso di apertura della cerimonia - saprà trarre forza, da questo grande dolore. Dimostreremo di saper essere uniti contro l'odio e il terrore, nel rispetto di tutte le libertà”.

“Qualcuno ci ha detto in questi giorni – ha detto il padre della ragazza, Luciano Solesin, nel ringraziare tutte le persone che hanno dimostrato loro affetto e vicinanza - che la nostra famiglia ha rappresentato un esempio di compostezza e dignità, quasi che noi potessimo significare un esempio per molti. Se questo è appena lontanamente vero, dico che era dovuto e dedicato a tutte le Valerie che lavorano, studiano, soffrono e non si arrendono''.

Moltissimi gli amici, i compagni di classe o di studio che hanno voluto ricordare la loro Valeria: la sua generosità, l'impegno sociale, la determinazione di una giovane che aveva studiato sociologia a Trento e intrapreso il dottorato di ricerca in demografia a Parigi, città in cui si stava costruendo un futuro con gli affetti più cari.


Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203