Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Giovedi, 12 Novembre 2015

Salvato a Venezia, un brasiliano dona 18 letti hi-tech al reparto di Cardiologia


G

razie ad un'importante donazione giunta dal Brasile, la Cardiologia dell'Ospedale di Venezia si dota di letti di ultima generazione: “Tutti i letti del Reparto – spiega il Primario, Giuseppe Grassi – sono stati sostituiti grazie alla generosità di un donatore sudamericano, e grazie al tramite degli Amici del Cuore di Venezia, che hanno ricevuto la liberalità di questa persona, trasformandola concretamente nei 18 letti, a cui si aggiungono due barelle di uguale standard, che sono già operativi nelle stanze di degenza”.

La gratitudine dell'Ulss 12 Veneziana è stata esplicitata oggi al Civile con una targa e un pensiero dedicata a Roberto Irineu Marinho, l’imprenditore sudamericano che, trascorso qualche giorno nella Cardiologia di Venezia, ha inteso restituire così le attenzioni e le cure ricevute: “Questo donatore, questo grande amico del nostro Ospedale – spiega il dottor Grassi – era in vacanza a Venezia, ed è stato colto da un malore. Ricoverato presso di noi, è stata documentata una pericolosa aritmia cardiaca, che è stata controllata farmacologicamente. Il signor Marinho prima di rientrare in Brasile ha voluto ringraziare il nostro Reparto, ed ha voluto farlo donando agli Amici del Cuore di Venezia il necessario per questa importantissima dotazione”.

I diciotto letti e le due barelle, prodotti da una ditta francese leader del settore, non sono solo letti modernissimi, ma sono stati scelti d’intesa con il Reparto per le loro peculiari caratteristiche, particolarmente adatte ad una Cardiologia. Agli alti standard di sicurezza e di dotazione tecnologica sommano, infatti, la possibilità di movimenti completamente elettrici, come anche il raggiungimento della “posizione poltrona” con la pressione di un singolo pulsante; sono dotati inoltre di uno sblocco immediato in caso di emergenza per il posizionamento ideale per il massaggio cardiaco.
La donazione ha un valore complessivo di 60.000 euro.

“La vicenda che ha portato alla donazione è esemplare – ha commentato il Direttore Generale Giuseppe Dal Ben – e dice del ruolo dell'Ospedale di Venezia. Evidenzia come il nostro operato è quotidianamente sotto gli occhi del mondo, oltre che sotto gli occhi dei cittadini Veneziani. Tutto questo ci spinge a fare il meglio, poiché ci fa capire che una parte della reputazione di Venezia nel mondo passa anche attraverso il nostro lavoro; e ci dimostra le potenzialità di un buon operare, che si trasforma in gratitudine a volte anche sorprendente nelle dimensioni”.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203