Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Mercoledi, 9 Settembre 2015

A Jesolo parchi sorvegliati dalle persone disagiate


A

pertura e sorveglianza dei parchi: a Jesolo ci pensano le persone in difficoltà, grazie al “Fondo per sostegno e azioni di rilancio”, istituito dal Comune. «L'obiettivo del fondo non è mai stato solo l’erogazione di contributi economici alle persone in difficoltà, quanto piuttosto la ricerca di soluzioni che offrissero nuovo opportunità alla persone», spiega l'assessore ai Servizi sociali Roberto Rugolotto. Il progetto prevede la gestione dei servizi di apertura, chiusura, sorveglianza e pulizia dei parchi comunali e il servizio di apertura, chiusura e sorveglianza del Centro Diurno della terza età S. Pertini. I parchi interessati sono sette: Parco Europa, Parco Educazione stradale, Parco Trieste, Parco Grifone, Parco Pegaso, Parco Merville e un piccolo parco in via G. Da Verazzano a Cortellazzo.

Il servizio viene effettuato tutti i giorni della settimana, compresa la domenica, e prevede l’apertura dei parchi alle ore 9.00 e la chiusura alle ore 18.00, il controllo delle condizioni generali di pulizia, l’esecuzione di piccole manutenzioni, la vigilanza sul comportamento degli utenti. Il personale impiegato è dotato di una propria divisa ed è quindi riconoscibile e dispone di proprie attrezzature per eseguire i piccoli lavori di pulizia e manutenzione.

«Da due anni 7 parchi cittadini sono oggetto di custodia, sorveglianza e manutenzione grazie ad un progetto realizzato con le risorse messe a disposizione attraverso il “Fondo per sostegno e azioni di rilancio” - spiega Rugolotto – Attraverso questo servizio oltre a garantire un importante servizio alla città, abbiamo offerto opportunità di occupazione a persone con difficoltà a inserirsi nel mercato del lavoro, stante il prolungarsi di una crisi economica che ha diminuito le opportunità di lavoro, soprattutto per i soggetti più fragili. In questi due anni 34 persone sono state impiegate in questo lavoro per periodi variabili da sei a dieci mesi, permettendo loro di percepire un reddito ma soprattutto di “rimettersi in gioco”, recuperare fiducia, impiegarsi in nuovi lavori...»
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203