Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Giovedi, 16 Aprile 2015

L'ecomobile sbarca a Mestre: ecco come e quando funziona


“N

on abbandonate i rifiuti lungo le strade. Sono atti di inciviltà che comportano costi altissimi per la comunità. Oggi con l'avvio dell'ecomobile anche a Mestre sarà possibile consegnare rifiuti ingombranti e pericolosi, quasi sotto casa”.

E' un vero e proprio appello ai cittadini quello lanciato mercoledì 15 dal presidente della Municipalità di Mestre Carpenedo, alla conferenza stampa di presentazione del servizio ecomobile, attivato, in via sperimentale, in collaborazione con Veritas. Sono intervenuti il delegato e il presidente della Commissione municipale Lavori pubblici, il direttore Divisione Ambiente e Servizi pubblici locali e il responsabile Servizi Ambientali terraferma di Veritas, rispettivamente Renzo Favaretto e Fabio Penzo.

L'ecomobile conta di due cassoni in grado di raccogliere circa 70 metri cubi di materiale pericoloso tra cui solventi, medicinali, batterie d'auto, oli minerali e da cucina, pile, ma in cui è possibile depositare anche tavoli, sedie, mobiletti e  elettrodomestici, neon lampadine, televisori, computer, cellulari senza doverli portare nell’Ecocentro di via Porto di Cavergnago o chiedere l’intervento del servizio asporto a domicilio.

Il servizio è disponibile, dalle ore 8 alle 12, secondo questo calendario: Parco Ponci, primo martedì del mese; Cimitero di Mestre, secondo martedì del mese; Piazzale Da Vinci, terzo martedì, Via della Motorizzazione civile, terzo mercoledì di ogni mese; Via Decorati al valore civile, quarto martedì del mese; l'ecomobile non sarà disponibile se il giorno di raccolta è festivo.

Ogni cittadino può consegnare al massimo due pezzi e fino al volume complessivo di un metro cubo di rifiuti ingombranti e pericolosi. Per utilizzare il servizio è necessario presentarsi all’operatore Veritas con un documento d’identità.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203