Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Giovedi, 12 Marzo 2015

Il Patriarca e il Dio della misericordia


«A

Gesù stà a cuore la nostra conversionee Gesù, di fronte all’annuncio della misericordia di Dio non ha altre urgenze. La misericordia di Dio è la nostra grande risorsa, perché Dio è più grande del nostro peccato». L'ha detto il Patriarca sabato scorso al Cavallino, durante il pellegrinaggio mariano mensile del primo sabato del mese.
«La misericordia di Dio - ha precisato - è la pazienza che Lui ha nei nostri confronti, è la sua bontà, è il suo amore. E la misericordia di Dio prende la forma della riconciliazione e della penitenza. Se non entriamo in questa logica, noi fraintendiamo il significato di questo aspetto di Dio, che è l’ultima parola che egli ha sulla nostra vita».

Il Patriarca ha sottolineato più volte l’importanza del cammino di conversione per tornare a Dio, specialmente nel periodo della Quaresima. Un percorso che, però, non può considerarsi autentico se viene a mancare l’amore per il prossimo. E’ Dio stesso che chiede questo sforzo e mons. Moraglia lo ricorda citando le scritture: «Si illude colui che dice di amare Dio che non vede, se non ama il fratello che vede. Il Signore ci chiede l’impegno di amare anche colui che non è amabile. La Quaresima - ha poi proseguito - è la grande occasione di grazia. Il bello della vita cristiana è che nessuno nasce santo e che tutti possiamo diventare santi».

Il Patriarca ha poi invitato i presenti all’impegno nel sacramento della riconciliazione, chiedendo di affidandarlo a Maria, la quale, come ha lui stesso ha spiegato, è rifugio dei peccatori perché prende per mano e accompagna nella conversione, non essendo stata toccata dal peccato originale.
A conclusione, il vescovo ha ringraziato la comunità di Cavallino per la sensibilità e l’ospitalità dimostrata. (P.B.)

Un servizio più ampio si trova sul numero di Gente Veneta di sabato 14 marzo
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203