Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Martedi, 17 Febbraio 2015

"Je suis Charlie. E dopo?": venerdì al Goldoni di Venezia si entra con l'ok della polizia


S

arà probabilmente il primo spettacolo per partecipare al quale tutti gli spettatori dovranno comunicare comunicare i propri dati anagrafici alla polizia.

Succede a Venezia dove, venerdì 20 febbraio alle ore 20, al teatro Goldoni, sarà presentata una riflessione teatrale in forma di testimonianza, parola, musica e immagini dal titolo “Je suis Charlie. E dopo?”

Terrà il filo del racconto la giornalista de LA7 Myrta Merlino. Sul palcoscenico del Goldoni si alterneranno le testimonianze di Housam Najjair, ex foreign fighter di religione islamica e nazionalità irlandese, reduce dai combattimenti in Libia e Siria; Padre Samir Khalil Samir, teologo gesuita, esperto del rapporto tra Occidente e Islam; Adnane Mokrani, intellettuale di religione islamica e Serra Yilmaz, celebre attrice turca che vive e lavora nel nostro Paese, tra le interpreti simbolo di Ferzan Özpetek. La serata - che si avvale della consulenza scientifica dei professori Matteo Legrenzi e Giovanni Vian dell'Università Ca' Foscari di Venezia – ha la regia di Bepi Morassi. L’ingresso è libero.

Ma gli attacchi terroristici di Parigi e di Copenhagen, oltre alla drammatica situazione libica, impongono prudenza.

Ragione per cui, per ragioni di sicurezza e su richiesta delle forze dell'ordine, l’accesso alla serata sarà consentito soltanto su prenotazione da effettuarsi comunicando via e-mail all’indirizzo info.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it (o alla biglietteria del teatro goldoni) nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza e recapito telefonico entro le ore 17 di venerdì 20 febbraio stesso.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php:203 Stack trace: #0 {main} thrown in /web/htdocs/www.genteveneta.it/home/public/articolo_gvnews.php on line 203