Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | ULTIMORA | Leggi tutte

Ubriaco, insulta barista e poliziotti: fermato a Jesolo un giovane albanese


U

n ragazzo albanese di 21 anni, in evidente stato di ebbrezza alcolica, è stato bloccato da una pattuglia della Polizia Locale durante un tentativo di aggressione al gestore del bar “Aurora Caffè” di piazza Aurora.

L’episodio si è svolto verso le 19.45 di giovedì 28 luglio, in un orario quindi di grande afflusso lungo l’area pedonale e la stessa piazza Aurora. Il 21enne albanese, residente a Jesolo, è entrato nel locale in evidente stato di alterazione e dopo una serie di diverbi ha iniziato a prendersela con il gestore che lo invitava ad andarsene.

Allarmati dagli insulti, i vicini negozianti hanno chiamato la sala operativa del Polizia Locale che ha contattato la pattuglia più vicina. Giunti in piazza Aurora, i due agenti sono riusciti ad intervenire prima che il 21enne albanese colpisse con un pugno diretto al volto il gestore del locale. Una volta immobilizzato, con fatica, dai due operatori, si è rifiutato di dare le generalità insultando pesantemente i vigili raggiunti nel frattempo da altre due pattuglie. Dalle parole, il 21enne è poi passato ai fatti prendendo a calci e pugni tutto ciò che trovava davanti, compresi due telefoni cellulari scagliati addosso al muro.

A quel punto gli agenti lo hanno ammanettato e portato in centrale con l’ausilio di una pattuglia di una volante del Commissariato di Polizia giunta in supporto. Il 21enne albanese era sprovvisto di documenti e per la sua identifcazione è stata chiamata la sorella, residente come lui a Jesolo, che ha confermato la sua identità e portato i documenti in caserma.

Il pm di turno, informato sui fatti, ha disposto il rilascio del giovane che però è stato raggiunto da due denunce: la prima per ubriachezza molesta e la seconda blasfemia ingiuriosa.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa