Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Venerdi, 24 Febbraio 2017

Il Kazakhstan celebra a Venezia, sabato di Carnevale, 25 anni di indipendenza


I

l 16 dicembre 2016 la Repubblica del Kazakhstan ha celebrato il 25 anniversario della sua Indipendenza dall’Unione Sovietica. Per onorare questo evento a Venezia e augurare un futuro di prosperità al Paese, sabato 25 febbraio, alle 14.30, il Consolato Onorario del Kazakhstan a Venezia, parteciperà al “Corteo delle Nazioni”, organizzato dall'Associazione Internazionale per il Carnevale di Venezia, con una delegazione istituzionale di Ambasciatori e Consoli rappresentanti il Kazakhstan in Europa e in Italia.

Il corteo di Autorità sfilerà con gli abiti tradizionali dei nomadi Kazakhi in Piazza San Marco, sul palco ufficiale del Carnevale di Venezia e poi in gondola da Ca’ Giustinian (partenza prevista alle ore 15.30) lungo il Canal Grande per raggiungere poi Ca’ Sagredo per il concerto e la cena di gala.

L’evento vuole celebrare 25 anni dell’indipendenza del Kazakhstan dall’Unione Sovietica. Tra le Repubbliche nate dalla disgregazione dell’ex Unione Sovietica, la “terra della grande steppa” è l’unica che è stata in grado di far convivere 20 religioni e 130 etnie diverse in pace e prosperità, con una crescita media del 6% all’anno del Pil.

Da qui la volontà di trasferire il messaggio di pace e prosperità attraverso la sfilata e il Corteo a Venezia durante il Carnevale, città e ponte tra le due culture e mercati, unite dalla Via della Seta percorsa da Marco Polo.

Il territorio è grande come tutta Europa, misura quasi 10 volte l’Italia, è ricco di risorse naturali, petrolio e gas, e presenta la tavola degli elementi al completo. Grazie a investimenti stranieri ha saputo sviluppare enormi giacimenti arricchendo la popolazione. Il Kazakhstan è l’unico Paese che dal 1991 ha eliminato i test nucleari, non aprendo più centrali. Inoltre, dal 10 giugno al 10 settembre 2017 ad Astana si svolgerà l’Expo dedicato all’energia del futuro.
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa