Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Venerdi, 16 Settembre 2016

Settimana della Mobilità, le iniziative nel Comune di Venezia

  • Il commento
  • Mobilità verde a Venezia, più che una montagna un topolino...

    F

    orse ci ricordiamo male o forse il computer sbaglia. Il 4 aprile scorso fu presentato un protocollo d'intesa fra Comune di Venezia e Toyota Motor Italia.

    Il Comune, in un comunicato, annunciava: «Sul territorio metropolitano verrà sperimentato un progetto di car sharing per l'utilizzo di vetture ibride, la valorizzazione delle modalità di trasporto a basse emissioni e una innovativa piattaforma integrata di mobilità sperimentale a idrogeno, con l’impiego di alcune unità di Toyota Mirai, la prima berlina a idrogeno di serie al mondo, appena eletta World Green Car 2016».

    E il Sindaco aggiungeva: «Entro 90 giorni abbiamo concordato di progettare un intervento integrato sulla mobilità sostenibile, puntando in particolare sull'esperienza ad idrogeno, che non è mai stato realizzato in Italia e in Europa. La settimana prossima andrò in Giappone e incontrerò i dirigenti di Toyota a livello mondiale per un coinvolgimento ai massimi livelli sul progetto. Le ricadute ambientali sono importanti, ma lo è anche il fatto che questa città si ponga con una grande sfida industriale e tecnologica. L'ambiente va difeso intervenendoci».

    Tutto bello e condivisibile. Ma com'è che dopo 160 giorni l'unica cosa portata a Venezia è «la possibilità – spiega il nuovo comunicato del Comune - di effettuare un test driver, da oggi sino a domenica, oltre che della nuova Toyota Prius e della Hybrid, per la prima volta in Italia, della Mirai, la prima berlina di serie alimentata a idrogeno»? La montagna ha partorito il topolino?

F

i rinnova anche quest'anno, a Venezia, da oggi sino al 22 settembre, l'appuntamento con la “Settimana Europea della Mobilità”.

Il programma degli eventi è stato presentato questa mattina, al Municipio di Mestre, con una conferenza stampa a cui hanno preso parte l'assessore comunale alla Mobilità e Trasporti, Renato Boraso; il consigliere per l'Innovazione e la Smart city, Luca Battistella; i dirigenti del Settore Pianificazione Mobilità e Infrastrutture, Loris Sartori, e della Pianificazione strategica, Paola Ravenna; la responsabile della comunicazione di Toyota Motor Italia Spa, Patrizia Brunetti.

“Per Venezia – ha sottolineato Boraso – è un appuntamento ormai tradizionale e importante, quest'anno impreziosito da una serie di iniziative molto significative, grazie anche al protocollo d'intesa firmato, su iniziativa del sindaco tra il Comune e la Toyota, in materia di mobilità sostenibile. La chicca è forse rappresentata, dalla possibilità di effettuare un test driver, da oggi sino a domenica, oltre che della nuova Toyota Prius e della Hybrid, per la prima volta in Italia, della Mirai, la prima berlina di serie alimentata a idrogeno. Molto significative saranno poi la cerimonia di installazione, prevista per mercoledì 21, del primo dei 600 portabiciclette di nuova generazione previsti per Mestre; e l'inaugurazione, giovedì 22, della nuova stazione di bike-sharing al Campus scientifico di via Torino, nell'ambito di un percorso di collaborazione avviato con l'Università di Venezia».

Altro appuntamento da segnalare, quello programmato per martedì 20, con l'avvio del progetto “La mia scuola in classe A”, in cui gli alunni degli istituti Filzi, Querini, Povoledo e Calamadrei, con le loro famiglie, sono chiamati a progettare nuove strategie di mobilità nei percorsi casa-scuola. Un progetto incluso tra quelli sostenuti dal PonMetro, ovvero dal Piano di Organizzazione Nazionale per le Città metropolitane, che, come ha ricordato la dirigente Ravenna, prevede altre realizzazioni importanti, come la Centrale intelligente di controllo (per monitorare in tempo reale i flussi di traffico e rendere così meno intasate e più sicure le strade), le stazioni di interscambio “intelligenti” (che, come le vecchie stazioni di posta, offriranno servizi di ristoro e informazione agli utenti), nuove piste ciclabili (a cominciare dal completamento di quella per Venezia).
Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa