Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina  | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | GVNews

Lunedi, 16 Maggio 2016

Venezia: tempo due anni e a S. Marta ci saranno 650 posti letto per universitari

  • Il commento
  • Ma cosa c'entra questo stile con Venezia?

    S

    arà molto funzionale e confortevole. Ed è molto positivo che l'università riesca a realizzare servizi residenziali per gli studenti. Ma cosa c'entra questo progetto con Venezia?

    Per una volta, ne parliamo solo dal punto di vista stilistico. Le immagini di progetto, che corredano la presentazione della residenza a Santa Marta, danno proprio quest'idea: edifici del genere potrebbero stare tranquillamente a Corsico o a Mirandola; ma cosa c'entrano con lo stile di Venezia?

    Qualche anno fa, alla Giudecca, sono stati riconvertiti ad abitazioni ex fabbriche ed ex magazzini. Ne sono usciti edifici belli, a volte eccellenti, sempre molto veneziani.

    E la interpretazione in chiave contemporanea degli stilemi tipici della città lagunare ha avuto sempre buon esito. A Santa Marta, date le premesse, si direbbe di no...

S

niversità Ca' Foscari Venezia, gruppo Cassa Depositi e Prestiti, Inps e Fabrica Sgr insieme per favorire la mobilità universitaria: è stato presentato oggi, lunedì 16 maggio, il progetto di residenza per studenti che sorgerà a Venezia in area Santa Marta, destinato ad ospitare circa 650 studenti di Ca’ Foscari e realizzato dal fondo immobiliare Erasmo, gestito da Fabrica Sgr.

Un investimento di circa 35 milioni di euro reso possibile grazie all’intervento di CDP Investimenti SGR (fondo FIA) e del Fondo Aristotele (interamente sottoscritto da INPS) quotisti rispettivamente al 60% ed al 40% del Fondo Erasmo. L’intervento è finanziato con un contributo del MIUR di circa 4,5 milioni di euro a valere sulle risorse per le residenze universitarie di cui alla legge 338/2000.

Ospiterà 650 studenti, all’interno di una struttura completamente nuova e dotata di ogni comfort, con tariffe a partire da 230 euro mensili. Il progetto di social housing della residenza studentesca di Ca’ Foscari a Santa Marta è giunto alla fase “due” che prevede l’inizio dei lavori di costruzione, dopo il completamento delle procedure pubbliche per l’affidamento della concessione.

La struttura verrà realizzata ristrutturando gli edifici che ospitavano le attività didattiche e di ricerca dell’area scientifica di Ca’ Foscari che da settembre 2014 si svolgono presso il Campus Scientifico di via Torino a Mestre.

Il Fondo Erasmo ha già individuato il futuro gestore della struttura, la Fondazione Pier Giorgio Falciola - specialista nell’offerta di soluzioni abitative per studenti universitari e per l'Housing sociale, che si è impegnata a sostenere l'Ateneo in questa iniziativa attraverso il finanziamento di borse di studio che saranno erogate dall'Università a studenti meritevoli.

Il contratto con il Fondo prevede l’impegno della SGR a terminare i lavori di costruzione in circa 23 mesi per l’area denominata “Parallelepipedo” ed e in circa 29 per la rimanente parte dell’area, a decorrere dall’approvazione del progetto esecutivo rispettivamente da parte del MIUR e dell’Università. Entro l’anno verrà selezionata dal Fondo l’impresa appaltatrice cui affidare la realizzazione delle opere. Quindi i lavori dovrebbero essere ultimati entro il 2018 o nella primavera 2019.

A seguito dell’intervento nel complesso di Santa Marta, i volumi totali degli edifici aumenteranno del 10%. Saranno adottati criteri di sostenibilità ambientale e riduzione dei consumi energetici, realizzando il complesso in classe energetica “A”.

L’offerta abitativa sarà ripartita in camere singole o doppie, dedicando allo stesso tempo grande attenzione alla vita di comunità: oltre un terzo delle superfici sarà infatti occupato da spazi comuni, sia a supporto alla didattica (sala riunioni, sala conferenze, biblioteca e sala studio) sia con servizi pensati per il tempo libero degli ospiti (palestra, bar, minimarket automatico, sala giochi, sala TV).

Il progetto prevede l’assegnazione di un’area di 1800 mq a uso pubblico da destinare a verde e percorsi pubblici, in accordo con il Comune di Venezia.

Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa