Commenti articolo Segnala pagina Stampa pagina Crea PDF pagina | Segnala su OKNotizie | Share Condividi
GENTE VENETA | Litorale | Archivio

Venerdi, 24 Marzo 2017

Cavallino-Treporti, sarà addio per le Piccole Suore della Sacra Famiglia


L

e suore lasceranno la Casa per ferie “Opera Nascimbeni”. La data di partenza non è ancora stata fissata ufficialmente ma nelle prossime settimane le tre religiose della Congregazione delle Piccole Suore della Sacra Famiglia, rimaste nella struttura ricettiva di Cavallino, partiranno dal litorale per raggiungere una nuova destinazione.



La Casa per Ferie rimarrà comunque di proprietà dell’Istituto e continuerà ad esercitare la propria funzione, quella di vacanze per religiosi e famiglie, con una cooperativa laica che già da tempo affiancava le suore nella gestione della stessa struttura. Presenti nella Casa per Ferie fin dal 1960, quando iniziarono i lavori di realizzazione della Casa poi ultimati nel 1964, le tre sorelle nelle prossime settimane saranno chiamate a svolgere nuovi incarichi, in un'ottica di ridimensionamento dovuta alla carenza di vocazioni.

«Ancora non sappiamo quali saranno i nostri nuovi incarichi – spiega suor Innocenza, direttrice della struttura – e nemmeno quale sarà la nuova destinazione: nei prossimi giorni riceveremo la visita della madre superiora che ci darà le comunicazioni del caso. Con molta probabilità raggiungeremo altri case della Congregazione. E’ importante poi dire che questa Casa per ferie rimarrà di proprietà dell’Istituto e continuerà a svolgere la propria funzione ricettiva».

La notizia della loro prossima partenza si è già diffusa a Cavallino-Treporti, suscitando un notevole dispiacere: presenti da decenni in questo territorio, hanno visto nascere non solo la loro struttura ma più in generale il fenomeno turistico a Cavallino-Treporti, contribuendo loro stesse al suo successo e soprattutto avviando un tipo di accoglienza non solo turistica ma anche religiosa, e comunque con uno stile di grande accoglienza e attenzione agli ospiti.

Giuseppe Babbo


Tratto da GENTE VENETA, n.12/2017

Inizio   Segnala paginaSegnala   Stampa   PDF